Il fondamento del satanismo

L'ideologia del satanismo è attinta dalle fiamme dell'inferno che bruciano e purificano. Il libro di Satana si chiama La diatriba infernale. Questo libro detta alcune leggi che sono in perfetta opposizione alla 10 comandamenti del cristianesimo.

Lo apprezzeremmo, caro utente, che puoi sostenerci contribuendo semplicemente cliccando sugli annunci che ti interessano, è la nostra unica fonte di reddito dal portale.

Il secondo libro satanico è il Libro di Lucifero, o Libro della Conoscenza. Lucifero era originariamente un dio romano che rappresentava lo spirito dell'aria. Era portatore di conoscenza. La religione cristiana primitiva lo trasformò in un'entità malvagia per impiantare il suo dio.

Per il satanista, Dio non è il creatore in quanto è considerato un semplice potere di equilibrio della natura; una forza dell'universo. Sono gli uomini che hanno creato dèi di ogni tipo, quindi ogni religione di natura spirituale è un'invenzione dell'uomo. Ha creato un sistema completo di dei attraverso la sua immaginazione. Dio è stato inventato dall'uomo per soddisfare il suo ego, poi l'uomo ha istituito i culti che lo accompagnano.

Il libro del satanismo è stato scritto per contrastare il 7 peccati capitali della chiesa cristiana che sono: gola, invidia, orgoglio, avidità, lussuria, rabbia, e pigrizia. Il Satanismo sostiene l'indulgenza verso ciascuno di questi peccati, tutto ciò porta al fisico, gratificazioni mentali o emotive.

Il motto del Satanista è: “Se qualcuno ti schiaffeggia la guancia destra, dargli un pugno sulla guancia sinistra». Ciò corrisponde al primo istinto di ogni essere vivente che è l'istinto di sopravvivenza. Il secondo istinto è quello di fare sesso e riprodursi, ma la chiesa ha posto alcune restrizioni anche su questo.

Una filosofia di emancipazione

Il Satanismo si basa su una filosofia di emancipazione. Esiste per servire i bisogni dell'uomo. Ma perché si chiama satanismo? Perché non dargli un nome come "Umanesimo"?

L'umanesimo esiste già ma non è considerato una religione perché l'umanesimo non ha cerimonie né dogmi. satanismo, anzi, riunisce tutte queste cose, così come i rituali. satanismo, tuttavia, differisce molto da tutte le religioni, sia biblico, coranico, o Torah.

Anche il satanismo è diverso da tutte queste "magie bianche" o sette mistiche in quanto rappresenta l'opposizione a tutte le religioni che condannano l'uomo per i suoi istinti naturali. Satana era originariamente un angelo il cui compito era di riportare a “Dio” i trasgressori umani. Fu solo nel XIV secolo che iniziò a essere ritratto come un demoniaco, mezzo uomo, mezzo animale e somigliante a una capra con le corna e gli zoccoli.

Prima dell'avvento del cristianesimo, il lato carnale della natura umana era governato dal dio Dioniso (o Pan in altre culture). Fu ritratto come un satiro dai greci. Pan simboleggiava la fertilità e furono i cristiani a decidere che le divinità pagane fossero demoni e adorarlo era indicato come; "magia nera." Ecco come il satanismo è stato equiparato alla magia oscura.

I demoni nel satanismo

È vero che i satanisti usano il potere della magia per raggiungere i loro obiettivi. A differenza dei devoti della magia nera che invocano le forze del male mentre cercano protezione, il satanista si rende conto che è solo mescolandosi a queste forze che può utilizzare pienamente i poteri dell'oscurità a suo vantaggio.

Il Satanismo non è né una religione luminosa né una pratica oscura obscure. È semplicemente la religione della carne governata da Satana. I concetti di inferno e diavolo hanno permesso alle religioni monoteistiche di prosperare sin dalla loro comparsa. Questi concetti consentono ai vari chierici di minacciare i loro praticanti con una sorta di punizione quando non obbediscono alle loro dottrine.

Il Satanismo rappresenta un'opposizione a tutte quelle religioni che condannano l'uomo per le sue inclinazioni naturali e lo portano alla frustrazione. La stessa parola “diavolo” deriva dalla parola greca “daimon” che significa “genio”.. I greci facevano una distinzione tra geni buoni e cattivi ma la parola stessa non è cattiva. I demoni sono quindi molto vicini alla nozione di “jinn” della magia araba.

I QUATTRO PRINCIPI DELL'INFERNO

SATANA – Questo è l'avversario, l'avversario, l'accusatore, Maestro del fuoco, eccetera..

LUCIFERO – È portatore di luce, conoscenza, l'aria, e la stella del mattino. Si dice che Lucifero sia più potente di Satana. Lui è il grande sovrano dell'inferno. Quando invocato, appare come un bellissimo bambino ed è molto insidioso.

BELIAL – Questo è un demone adorato nella città di Sodoma. È anche il patrono dell'incubo (demoni maschili di incomparabile bellezza che attraggono i mortali e consumano le loro anime durante il peccato della carne). Regna nel nord, senza padrone e fu rinchiuso con le sue legioni in una bottiglia dal re Salomone.

Questo re dell'inferno, con un aspetto attraente e una postura aggraziata, è conosciuto come il “più dissoluto, malvagio, e spirito vizioso”. Fu creato subito dopo che Lucifero aveva convinto la maggior parte degli angeli a ribellarsi. Procura dignità e favori, fa amicizia, vive in buona intelligenza e aiuta chi gli si sottomette.

LEVIATHAN – È il serpente degli abissi, acqua, ovest e il grande bugiardo responsabile di molti possedimenti.

RITUALI SATANICI

I satanisti a volte ricorrono a sacrifici umani. Lo scopo di eseguire un sacrificio rituale è proiettare l'energia fornita dal sacrificio sul piano astrale al fine di aumentare le possibilità di successo del rituale.

Il sangue è la forza vitale e una creatura sul punto di morire secerne una quantità significativa di adrenalina e altre energie biochimiche o psichiche. La forza bioelettrica che viene rilasciata al momento della morte è simile a quella rilasciata durante eventi emotivi intensi come l'orgasmo, paura, o rabbia violenta.

I satanisti sono spesso considerati i seguaci più oscuri delle pratiche di magia nera perché si concedono assolutamente tutto al solo scopo di soddisfare i propri bisogni personali e trovare piacere. Queste pratiche sono spesso considerate innaturali.