Come le streghe della passata generazione usavano le piante per scopi dannosi Ban

Le streghe usavano piante per raggiungere scopi dannosi

Ecate, la dea greca delle regioni infernali, presieduto alla magia e all'incanto. Conosceva le proprietà di ogni erba, e impartì questa conoscenza alle figlie Medea e Circe.

Lo apprezzeremmo, caro utente, che puoi sostenerci contribuendo semplicemente cliccando sugli annunci che ti interessano, è la nostra unica fonte di reddito dal portale.

A questo trio di streghe classiche sono state appositamente consacrate le seguenti erbe:—La Mandragora, la belladonna, il comune Nightshade, il Wolfs-bane, l'Azalea del Ponto, il Ciclamino, il cipresso, Lavanda, Menta Issopo, il Poley o Montagna Germander, il pepe etiope, il Partenio del Mais, il cardamomo, la malva muschiata, il Sesamo Orientale, il ruvido Smilax, il Cudweed del piede di leone (un filtro d'amore), e capelvenere, una pianta particolarmente cara a Plutone.

Medea conosceva particolarmente le qualità dello Zafferano dei prati, cartamo, Alcaneto del tintore, il platano viscido o Fleawort, il crisantemo, e il Ginepro a bacca marrone.

Tutte queste piante sono, perciò, ricercato con insistenza dalle streghe, che non hanno solo il potere di comprendere e apprezzare il valore delle erbe, ma sappiate anche rendere le piante innocue e innocue funeste e mortali.

Esempi di streghe che usano le piante per scopi dannosi

Se le streghe sono sposate, diventa necessario somministrare ai loro mariti una pozione che li faccia addormentare e li tenga addormentati durante l'assenza delle Streghe nella notte.

A questo scopo il Sleep-Apple, una sorta di escrescenza muschiosa sulla rosa selvatica, e Biancospino (chiamato nell'Edda Sleep-Thorn), sono impiegati, perché non permetteranno a nessuno di svegliarsi finché non saranno portati via.

Una pianta molto apprezzata utilizzata dalle streghe americane per produrre un risultato simile, è il fiore dell'incubo, o Fiore dell'incubo di Buenos Ayres, un piccolo, pianta dal fogliame verde scuro, con foglie lanceolate e grappoli di fiori bianco-verdastri, che emettono un potente odore narcotico. Dall'acre succo lattiginoso spremuto dal fusto di questa pianta, Le streghe ottengono una droga che, somministrato alle loro vittime their, li tiene preda tutta la notte di sogni terribili, da cui si svegliano con una sensazione sordo e palpitante nel cervello, mentre un odore particolare pervade la camera, facendo apparire l'aria pesante e soffocante.

Ben Jonson, nella sua "Masque of Queens",' vi introduce una conventicola di Streghe, Oms, come parte del business che li ha uniti, raccontano le loro azioni. Una delle streghe, che ha raccolto quella misteriosa pianta della superstizione, la Mandragora, gracchia:—

“Ieri notte sono rimasto tutto solo
Per terra, sentire il gemito della Mandragola;
E l'ha tirato su, anche se è cresciuto completamente basso;
E, come avevo fatto io, il gallo ha cantato”.

Un altro, i cui sinistri procedimenti hanno eccitato i vicini cani da guardia, osservazioni:—

“E ho raccolto piante tra plants
Cicuta, Giusquiamo, Lingua di vipera;
Nightshade, Moonwort, Libbard's-bane,
E due volte dai cani è stato come essere presi".

E un terzo, che si è procurata la scorta delle piante necessarie per l'esecuzione degli incantesimi delle Streghe, dice:—

"Sì, Ho portato per aiutare i nostri voti
papavero fatto in casa, rami di cipresso,
Il fico selvatico che cresce sulle tombe,
E il succo che dal Larice viene”.

Uno dei principali risultati della conoscenza posseduta dalle streghe delle proprietà delle erbe era l'invenzione da parte loro di pozioni nocive o mortali con cui erano in grado di esercitare i loro empi incantesimi.

Ovidio ci racconta come Medea, nel comporre una corrente velenosa, impiegato Monk's-hood o Wolfs-bane, il micidiale Aconito, che sorse dalla schiuma del selvaggio Cerbero dalle molte testehead, il cane da guardia delle regioni infernali:—

“Medea per mandare un pericoloso erede
(Lei lo conosceva) ha preparato una bozza velenosa?,
Preso da un farmaco a lungo riservato in negozio,
Per usi disperati, dalla sponda scitica,
Quello dalle fauci del mostro di Echidna
Deriva la sua origine.”

La sorella di Medea, l'incantatrice Circe, essendo stata trascurata da un giovane per il quale aveva concepito una passione, lo ha trasformato, per mezzo di una pozione d'erbe, in una forma brutale, per

"Amore rifiutato, convertito in disprezzo.
Poi, mescolando potenti erbe con l'arte magica,
Ha cambiato la sua forma che non poteva cambiare il suo cuore.

Così intima era la conoscenza di questa celebre Strega con le proprietà sottili di tutte le piante, che con l'aiuto dei succhi nocivi ne estraeva, era in grado di esercitare meravigliosi poteri di incanto. Alla sua offerta,

“Ora strano da dire, le piante sudano gocce di sangue,
Gli alberi vengono gettati dalle foreste dove si trovavano;
Serpenti blu sullo scivolo dell'erba contaminata,
Spettri pallidi e abbaglianti sulla cavalcata dell'etere.

Circe era assidua nel “semplificare sulle colline floride”,” e alle sue inservienti fu insegnato a disprezzare le ordinarie occupazioni delle donne: sono stati alleggeriti dalle cure domestiche,

“Ma abbattuto, in taniche, fiori disastrosi
E piante da lande infestate e pergolati delle fate,
Con falci di bronzo mietute alle ore planetarie
Ogni dose la dea soppesò con occhio vigile;
Così bella la sua arte in empia farmacia.”

La vecchia Gerarde ci dice che Circe si serviva nei suoi incantesimi e nelle sue stregonerie del Verbasco o strozzino (Verbascum Thapsus); e Gower riferisce di Medea che ha impiegato il Feldwode, che probabilmente è la stessa pianta, il suo nome anglosassone è Feldwyrt.

“Anche se lei Feldwode e Verveine,
Di erbe ben niente di meglio tweine.

La composizione dei filtri, e il lavoro di incantesimi e incantesimi per indurre l'amore, sono tra le più apprezzate delle funzioni delle streghe, investendoli di un potere che si dilettano a esercitare, e portando a molto profitto pecuniario.

In "Luce dell'Haram" di Moore,"L'Incantatrice Namouna", che conosceva tutti gli incantesimi e i talismani, ordina a Nourmahall di raccogliere a mezzanotte - "l'ora che sparge incantesimi su erbe e fiori" - certi boccioli che, quando attorcigliato in una ghirlanda, dovrebbe agire come un incantesimo per ricordarle l'amore di Selim.

I fiori raccolti, l'Incantatrice procede a tessere la coroncina magica, cantando nel frattempo—

“So dove dimorano le visioni alate
Che intorno al letto da notte gioca;
Conosco ogni erba e ogni campana di fiore,
Dove nascondono le loro ali di giorno;
Allora affrettiamoci, domestica,
Per intrecciare la nostra treccia,
Domani i sogni e i fiori svaniranno.
“L'immagine dell'amore, che vola di notte
Per visitare la timida cameriera;
Ruba al fiore di gelsomino, che sospira
La sua anima, come lei, nell'ombra.
Il sogno di una futura ora più felice,
Che si posa sulla fronte della miseria,
Nasce dal fiore argenteo della mandorla
Che fiorisce su un ramo senza foglie.
“Le visioni che spesso agli occhi del mondo
Lo scintillio delle miniere si apre,
Abitare l'erba di montagna che tinge
Il dente del cerbiatto come l'oro.
Le forme fantasma—oh, non toccarli!—
Che orrore la vista dell'assassino,
Nascondersi nel fusto carnoso della Mandragora,
Che urla quando viene strappato di notte!
“Il sogno degli infortunati, mente paziente,
Che sorride ai torti degli uomini,
Si trova nella scorza ammaccata e ferita
Della Cannella, dolcissimo allora.
Allora affrettiamoci, domestica,
Per intrecciare la nostra treccia,
Domani i sogni e i fiori svaniranno”.

La forza principale delle povere streghe risiede nella raccolta e nella bollitura delle erbe.

Le erbe più apprezzate per i loro scopi sono le:

Betony-root, Giusquiamo, Mandragora, Belladonna letale, Origano, antirrino, Phlox femmina, Arum, Celidonia rossa e bianca, Millefoil, papavero cornuto, Felce, Lingua di vipera, e terra Ivy.

Radice di Hemlock, “scavato nel buio,” lapsus di Yew, “spezzato nell'eclissi di luna,"Cipresso", fico selvatico, Larice, Scopa, e Thorn sono anche associati alle streghe e alla loro necromanzia.

L'indovino Gall-melo della Quercia, il mistico vischio, la Savina, l'erba lunare, la verbena, e la St. L'erba di San Giovanni è considerata magica, e quindi fanno parte della farmacopea delle streghe - da produrre secondo l'occasione lo richieda, e i loro succhi infusi nei brodi infernali, filtri, pozioni, e danze funeste preparate per i loro nemici.

I fiori del cuculo si raccolgono nei prati il ​​primo maggio.

Cerfoglio e Pennyroyal sono usati perché entrambi hanno l'effetto di far vedere doppio a chiunque assaggi i loro succhi.

Spesso molte erbe vengono bollite insieme, di preferenza sette o nove. Tre tipi di legno fanno bollire l'acqua stregata. Unguenti da strega, essere efficace, deve contenere sette erbe.

Uno dei rimedi preferiti dalle streghe scozzesi è il caprifoglio o il caprifoglio. Nell'effettuare le loro cure magiche, fanno passare i loro pazienti un certo numero di volte (di solito nove) attraverso una "circonferenza" o ghirlanda di Woodbine, ripetendo nel frattempo certi incantesimi e invocazioni.

Secondo Spenser, Le streghe nella primavera di ogni anno erano solite fare penitenza, e si purificano facendo il bagno nell'acqua in cui erano stati posti Origano e Timo:—

“Fino a un giorno (quel giorno è ogni Prime,
Quando le streghe non faranno penitenza per il loro crimine)
Mi piacerebbe vederla nel suo modo giusto,
Si fa il bagno nell'origano e nel timo.»

Nella Bassa Germania, il caprifoglio si chiama Albranke, il laccio della strega. Le piante lunghe e i ramoscelli aggrovigliati sono chiamati paesaggi delle streghe, e la gente crede che una Strega inseguita duramente possa fuggire con i suoi mezzi.

Nella notte di Valpurga, le streghe tedesche sono solite raccogliere la felce per rendersi invisibili. Come protezione contro di loro, la gente di campagna, dice Aubrey, “vai a prendere una certa Spina, e attaccalo alla porta di casa loro, credere che le streghe non possano far loro del male."

Sulla strada per le orge di questa notte, si dice che le streghe di Oldenburg divorino tutti i boccioli rossi dell'Ash, in modo che su St. Il giorno di San Giovanni i frassini ne appaiono spogliati.

Le streghe tedesche sono astute nell'uso e nell'abuso delle radici: per esempio, consigliano vivamente il Meisterwurzel (radice del maestro), il Bärwurzel (radice degli orsi), l'Eberwurzel (radice di cinghiale), e l'Hirschwurzel (radice del cervo, un nome dato al prezzemolo selvatico, alla genziana nera, e alla Thapsia), come mezzo per far correre un cavallo per tre giorni consecutivi senza nutrirlo.

su St. La vigilia di Giovanni, le Streghe di Russia sono alacremente impegnate a cercare sui monti la Gentiana amarella, e la mattina di St. Festa di San Giovanni, per il Lythrum silicaria, senza aver trovato che nessuno può sperare di illuminare sull'antica erba. Queste erbe sono ostili alle streghe, sono cercati da loro solo per essere distrutti.

In Franca Contea si racconta di una certa erba satanica, di cui il succo dà alle Streghe il potere di cavalcare in aria su una scopa quando desiderano procedere al loro incontro notturno.

fonte:
Sapere delle piante, leggende, e testi: Abbracciare i miti, Tradizioni, superstizioni, e folklore del regno vegetale, di Richard Folkard