UNA RELAZIONE PU SOPRAVVIVERE QUANDO UN PARTNER NON È SPIRITUALE??

Ugh. Questa è sicuramente una lotta per molti wiccan (e altri esseri spirituali, per questo motivo). Stai percorrendo il sentiero spirituale, ma il tuo compagno di vita non lo è. Potrebbe essere solo un inconveniente, o una questione molto complessa a seconda della tua situazione.

Mio marito, proveniente da un background scientifico, potrebbe non essere il ragazzo più spirituale della terra. Ma è molto comprensivo e di supporto per le mie "roba da strega" (lui è il "genio del male" dietro questo blog, in realtà). Quindi potrei dire che sono molto fortunato… come dai commenti che riceviamo dai nostri follower sui social media, molti altri partner non sono così di supporto. È stato allora che ho deciso di fare qualche ricerca su questo argomento.

Lo apprezzeremmo, caro utente, che puoi sostenerci contribuendo semplicemente cliccando sugli annunci che ti interessano, è la nostra unica fonte di reddito dal portale.

Il seguente articolo scritto da Mateo Sol fornisce alcuni brillanti consigli su come gestire questa situazione. Puoi scaricare alcune delle sue altre pubblicazioni elettroniche gratuite qui. Fonte originale: solitariowolf.com.

tu mediti, pratica la consapevolezza, fare il lavoro del bambino interiore, lavoro ombra, bruciare incenso, comunicano con i tuoi spiriti guida e sono appassionati del percorso spirituale...

ma l'unico problema è che il tuo partner non lo è.

Infatti, non solo non sono interessati al percorso spirituale, ma hanno anche difficoltà a capire perché ti impegni in varie pratiche spirituali in primo luogo.

Un pensiero potrebbe esserti passato per la mente, “può questa relazione sopravvivere??"

Questo è un pensiero preoccupante e può essere accompagnato da sentimenti di ansia, disagio emotivo o addirittura una sensazione di pericolo incombente. Voglio aiutarti a raggiungere una parvenza di pace e chiarezza entro la fine di questo articolo.

La tua relazione è condannata??

prima di tutto, questa è una domanda piuttosto carica.

L'unico modo per determinare se la tua relazione è destinata a fallire o meno è prestare attenzione al contesto di ciò che sta accadendo al suo interno e alla tua dinamica insieme come coppia.

Ecco alcune bandiere rosse a cui dovresti prestare attenzione:

Il tuo partner prende in giro te e la tua pratica
Il tuo partner si arrabbia quando dedichi tempo alla tua spiritualità
Il tuo partner cerca di impedirti di praticare il tuo percorso spirituale
Il tuo partner ha creato un "ultimatum" parlato o non detto, ad es. “sono io o la tua spiritualità”
Il tuo partner critica spesso le tue convinzioni spirituali
Senti il ​​bisogno di “nascondere” la tua pratica spirituale e di farlo in segreto
Ti senti sotto pressione per credere/seguire ciò in cui crede il tuo partner
Hai paura di condividere la tua spiritualità per paura di essere giudicato o rifiutato

Se puoi dire "sì" a più di una di queste bandiere rosse negative, dovresti preoccuparti. La tua relazione è opprimente e non ti consente di crescere come persona, il che significa che è probabile che sia in corso una dinamica malsana. Ti consiglierei di trascorrere un po' di tempo tranquillo nelle prossime settimane riconsiderando la tua relazione. Perché? Perché hai il diritto di praticare qualunque forma di spiritualità parli alla tua anima. Hai il diritto di prosperare come essere spirituale ed essere amato e sostenuto, non rifiutato o giudicato negativamente.

Se, tuttavia, non riesci a relazionarti con le bandiere rosse di cui sopra, ma il tuo partner non è spirituale e tu lo sei, questo è un segno positivo (ma anche più complesso).

Spiegherò perché di seguito.

Cosa fare quando il tuo partner non è sul sentiero spirituale

Comprensibilmente può essere frustrante e scoraggiante conviverci (o passare molto tempo con time) una persona che non condivide le stesse aspirazioni, prospettive, o credenze spirituali come te.

Ma voglio menzionare qualcosa di molto importante qui: attento agli ideali che crei.

Concetti come fiamme gemelle e anime gemelle possono essere utili per definire e comprendere le relazioni, ma sono in definitiva limitanti e costrittivi se inquadrati nel contesto puramente spirituale. (Comunque, puoi ancora avere un'anima gemella "non spirituale" o una doppia fiamma, se ti piace usare quelle etichette.) Quindi, se stai guardando gelosamente altre coppie che sembrano "avere tutto" spiritualmente parlando, lascia cadere immediatamente quegli occhiali rosati.

Le relazioni "spirituali" non sono l'essere tutto e finire tutto. In altre parole, NO non devi essere in una relazione spirituale per essere felice. No, non è necessario condividere le stesse credenze o visioni metafisiche.

Perché?

Perché la cosa più “spirituale” è in definitiva l'amore.

Se stiamo parlando di vera spiritualità qui (non solo i vari metodi, percorsi o convinzioni mentali), ciò che alla fine conta è quanto vi amate e vi accettate, indipendentemente dalle tue differenze.

Fai attenzione al paragone tossico che ti fa sentire come se dovessi essere entrambi sulla stessa pagina su tutto, come "altre persone". Fai attenzione al paragone tossico che ti fa sentire come se dovessi pubblicare foto di te stesso e del tuo partner su Instagram facendo qualcosa di "spirituale" come lo yoga - o fare ritiri di meditazione di una settimana insieme - come "altre persone".

Come persona che ha scritto molto sulle relazioni spirituali, posso dirti questo:

Se il tuo partner ha la capacità di amare, sono innatamente spirituali. Non importa in cosa credono (o non credere) purché siano in grado di aprirti il ​​loro cuore.

Quindi abbassa i piedi e rifiuta di essere spinto a credere che la tua relazione debba apparire o sentirsi in un certo modo. La tua relazione è unica, e fintanto che si basa sull'amore e il rispetto reciproci, è sano e può sopravvivere.

Una piccola nota a margine sui bisogni fondamentali

Come un piccolo diversivo, Voglio dire che è possibile che tu possa avere una relazione sana e amorevole, ma la connessione non è ancora giusta per te.

Perché può essere così??

La risposta è che uno dei tuoi bisogni fondamentali non viene soddisfatto. Se senti assolutamente nel profondo del tuo cuore che hai bisogno di un partner che sia sulla tua stessa pagina spiritualmente, questo è uno dei tuoi bisogni principali. E devi prestare attenzione ad esso.

Non ci sono risposte facili qui, e tutto quello che posso dire è che se sei infelice nella tua relazione nonostante sia amorevole e rispettoso, potrebbe non essere la relazione giusta per te.

Non tutti hanno bisogno di avere una relazione con una persona spirituale, ma se senti che il nucleo profondo ha bisogno di esserlo, allora devi fare un po' di ricerca interiore. Rifletti su te stesso e sulla tua relazione tra cinque anni: il pensiero ti rende felice o irrequieto/depresso?? Se hai risposto a quest'ultimo, è improbabile che la tua relazione possa sopravvivere semplicemente perché uno dei tuoi bisogni principali è avere un compagno romantico spirituale. E va perfettamente bene. Dovrai risolvere i tuoi sentimenti e pianificare il miglior percorso d'azione.

Ecco alcune cose essenziali da fare e da non fare

Quindi ora che abbiamo chiarito se una relazione può sopravvivere o meno quando un partner non è spirituale, ecco alcuni modi per assicurarti che la tua relazione continui a prosperare:

Non fare:
Non fare pressioni sul tuo partner affinché adotti le tue stesse credenze o pratiche spirituali: alla fine deve decidere da solo. Quindi sii cauto nel cercare di privarli di quella scelta autorizzata, non importa quanto ti senti zelante. Onora il loro libero arbitrio.
Fai attenzione a non nutrire giudizi negativi o un atteggiamento critico nei confronti del tuo partner solo perché è diverso. Ricorda che siamo tutti a vari livelli di risveglio. Quando il tempo arriva (se arriva) anche il tuo partner si sveglierà.
Non perderti in ideali rosei e fantasie su chi "dovrebbe" essere il tuo partner spiritualmente parlando. Volere o aspettarsi che il tuo partner sia qualcosa di diverso da quello che sono è una ricetta per il disastro. Accetta il pacchetto completo del tuo partner (pregi e difetti allo stesso modo).
Non fare affidamento esclusivamente sul tuo partner per il nutrimento spirituale: questo punto può sembrare ovvio, ma rimarrai sorpreso da quante persone là fuori si aspettano che i loro partner siano "tutto e tutto". Togli quel fardello dal tuo partner e trova un gruppo spirituale locale (o per lo meno, uno in linea) dove puoi esprimere il lato spirituale di te stesso.
Cosa fare?:
Dare l'esempio (non predicare per convertire). Non c'è niente di più nauseante di una persona che cerca di fare proselitismo sugli altri, quindi non essere invadente con le tue convinzioni e prospettive. Cammina invece sul discorso.
Trova e concentrati sulle somiglianze tra te e il tuo partner.
Esprimi regolarmente il tuo amore, impegno, e affetto (che di per sé è una pratica spirituale).
Considera la tua relazione come una "scuola di vita" e il tuo partner come un insegnante travestito. Tanta conoscenza di sé e crescita spirituale possono verificarsi all'interno delle relazioni, indipendentemente da quanto siano “spirituali”. Il tuo partner rispecchierà i tuoi più grandi punti di forza nascosti e anche le tue ombre più temute. Quindi considera la tua connessione come sacra senza essere prepotente.
Onora a che punto si trova il tuo partner. Fai attenzione a considerarti spiritualmente più "avanzato" del tuo partner (che porta all'inflazione dell'ego) – scegliere di vedervi entrambi a livelli diversi nella spirale della crescita. Comprendi che il tuo partner potrebbe essere più sviluppato in alcune aree della vita di te e viceversa.
Cercate di incontrarvi allo stesso livello equal.

Riassumere: presta attenzione al contesto e alla dinamica della tua relazione. Se la tua connessione è basata sull'amore e il rispetto reciproci, allora SI, è possibile prosperare e sopravvivere insieme. Se hai un bisogno fondamentale di connetterti con un partner spirituale, allora no, è improbabile che vivere con un partner "non spirituale" ti soddisfi. Sebbene, prima di saltare a questa conclusione, Ti chiedo di considerare cosa significa realmente "spirituale" per te - significa spirituale secondo il tuo percorso e le tue convinzioni?, o qualcos'altro? Chiediti anche tu, “Sono felice di fare le mie cose e permettere al mio partner di fare le loro??"o dovete assolutamente essere entrambi sulla stessa pagina?

Fiduciosamente, ora hai un po' più di chiarezza perché so quanto possa essere complesso e carico di emozioni questo argomento.

Fatemi sapere se mi sono perso qualcosa o se avete qualche vostro consiglio. Mi piacerebbe leggere i tuoi approfondimenti!

Casella dei commenti di Facebook

La condivisione è la cura!
107

lascia un commento